24 January 2014

Curiosità



Sono a Wellington da poco più di 10 giorni e mentre Ale è dovuto tornare al lavoro, io ne ho approfittato per gironzolare per la città.

Bene, se vi aspettate di trovare una realtà diversa dalla vostra, visto che comunque siamo agli antipodi.... sappiate che è proprio così!!!!



Ho notato che amano molto condividere un po' tutto, a partire dallo sport.




Questo si trova nell'atrio del nostro palazzo. Praticamente ci si mette tutti insieme, noi del condominio, per fare sport, seguiti da un personal-trainer preso ad hoc.

E' una cosa molto comune da vedere nei parchi, ne ho fotografati un gruppo



Ecco altra cosa diversa sono i giochi che si trovano per i bambini nei parco giochi



Questo è propedeutico allo skateboard, che qui devo dire viene utilizzato molto e in tutte le fasce d'età.



Questa è un'altra prospettiva del parco, con piccoli sentieri tra la "foresta", molto divertente per i bimbi.

Bene, dopo aver giocato, si va al supermercato a fare la spesa!
Sappiate che i carrelli a cui noi siamo abituati non esistono, si fa la spesa con il cestino oppure con piccoli carrelli che hanno una capienza paragonabile a  quelli utilizzati per i bimbi da noi.
Carrelli a parte, ci sono un sacco di commessi che continuano a mettere in ordine le loro "opere architettoniche", tipo questa




Ecco, una cosa che condivido poco è il non usare i guanti nel comprare frutta e verdura sfusi...

Solo una cosa mi ha lasciato impietrita... il vino... non discuto sulla qualità, bisogna comunque partire da bottiglie che costano 20 $ se si vuole qualcosa di accettabile, ma il punto è il tappo... tappo svitabile!!!! E il sughero? Non esiste, qua si svita il tappo del vino!!!!

Altre piccole cose: sapete bene che guidano dalla parte opposta rispetto alla nostra, quindi occhio quando si attraversa la strada!!!Ti aspetti che vengano da una parte e invece te li vedi arrivare dalla parte opposta!!!

E non solo la guida è opposta alla nostra, ma perfino il senso in cui girare la chiave nella toppa, in Italia per aprire la porta si gira la chiave in senso antiorario, qui in senso orario... insomma è un po' tutto diverso, bisogna prenderci la mano!!!

In ultimo vi mostro dove pranzo spesso con Ale e le bimbe, proprio davanti al suo ufficio




Veronica