18 March 2014

Scuola




Il sistema scolastico Neozelandese è molto diverso da quello Italiano, cercherò quindi di spiegare il percorso che abbiamo dovuto seguire per iscrivere le bimbe nella nuova scuola!

Prima di tutto, visto che comunque le bambine avevano iniziato l'anno scolastico in Italia, sono andata a parlare con le insegnati e con il Dirigente ed ho spiegato loro la situazione, in seguito ho dovuto compilare un modulo per il ritiro dalla scuola delle bambine.




Una volta arrivati qui ci siamo subito documentati sulle scuole e sul loro funzionamento.
Non conosco molto riguardo ad asili nido o strutture pre-scolastiche in quanto le nostre bambine hanno 6 ed 11 anni, quindi mi scuso per questa lacuna.

La scuola dell'obbligo inizia a 5 anni, a differenza dell'Italia.
Si può scegliere tra una Full Primary school ed una Primary school.
Nel primo caso il bambino frequenterà la stessa scuola per 8 anni, nel secondo caso solo per i primi 6 anni ed in seguito dovrà frequentare una Intermediate school per i rimanenti 2 anni. 

Alla fine di questi 8 anni si passa alla High school per altri 4 anni ed in seguito all'università.

Rimanendo sul suolo della scuola pubblica, ci sono altri fattori da tenere in considerazione.
Alle scuole viene dato un voto in percentili da 1 a 10, in base ai servizi ed alla bontà della scuola stessa.
Viene fornita, dallo Stato, la lista di tutte le scuole che può essere consultata per scegliere la scuola che fa al proprio caso.
Così sembra molto semplice, basta scegliere la migliore scuola ed è fatta! Magari...!!!
C'è un altro fattore importantissimo, ovvero la zona di copertura delle scuole.
Mi spiego meglio, ogni scuola ha un raggio di copertura diverso e ben specifico, se si vive in un determinato quartiere il bambino dovrà frequentare la scuola del proprio quartiere.
Ovviamente si può tentare di iscrivere il bambino in una scuola diversa, ma c'è una lista d'attesa con diversi criteri per dare la precedenza ad alcuni bambini a differenza di altri.

Per quanto riguarda i costi d'iscrizione, questi si aggirano sui $300 a bambino per tutto l'anno.
Ora io immagino che vi possano sembrare tanti, e che in Italia sono di sicuro più bassi ( mi sembra sui 70 euro per anno scolastico), l'unica differenza è che in Italia ogni mese era buono per chiedere carta, colori, sapone, carta igienica e chi più ne ha più ne metta.
Quindi in realtà i 70 euro non coprivano le necessità della scuola che doveva comunque essere rifornita di materiale.

Altra differenza è la gestione dell'anno scolastico: mentre in Italia si frequenta scuola per 9 mesi e si resta a casa per i 3 mesi di vacanza estiva, qui si frequenta scuola per poco più di due mesi per poi restare a casa 15/20 giorni.
Per esempio le nostre bimbe hanno iniziato scuola il 4 Febbraio e proseguiranno fino al 17 Aprile, resteranno poi a casa fino al 4 Maggio per poi riprendere il seguente trimestre il 5 Maggio.
Ovviamente durante il periodo di "vacanza" viene fornito un servizio a pagamento dalla scuola, in quanto se entrambi i genitori lavorano una situazione del genere diverrebbe ingestibile.
La scuola, per questo servizio chiede $30 al giorno ( dalle 8.30 alle 5.30), prezzo più che ragionevole direi!!!

Per quanto riguarda l'orario scolastico, questo va dalle 8.30 del mattino fino alle 15. Ovviamente c'è la possibilità di portare i bambini prima a scuola e viene offerto un servizio per tenere i bambini anche nel pomeriggio fino alle 18, a prezzi veramente ragionevoli ( cosa che in Italia non mi è mai capitata).

Per quanto riguarda la scuola vera e propria devo dire che mi trovo molto bene e così anche le bambine.
Ogni giorno studiano un'ora con un insegnante di lingua, in quanto non parlano ancora inglese ( ed anche questo in Italia non l'ho mai visto, sebbene ci sia una larga presenza di bambini stranieri che non parlano italiano).
Le lezioni sono molto diverse rispetto a come siamo abituati noi, la lezione frontale in cui la maestra spiega per ore ed il bimbo ascolta e basta non è molto comune, al massimo per qualche nozione di matematica, per il resto sono ben visti lavori di gruppo e di socializzazione.
I voti non esistono, durante questi primi anni, comunque ogni tre mesi è previsto un colloquio con le maestre per parlare del rendimento scolastico dell' alunno.

Che dire poi, è ancora presto per un confronto su quale sistema scolastico sia migliore o peggiore!!!

Veronica